Wenger torna nel mondo del calcio: sarà dirigente FIFA

Wenger torna nel mondo del calcio

Un anno e mezzo dopo la fine della sua avventura lunga 22 anni sulla panchina dell’Arsenal, Arsène Wenger torna nuovamente attivo nel mondo del calcio. Non più come allenatore, ma con un ruolo da dirigente FIFA, mettendo probabilmente così fine alla sua lunga carriera da tecnico. La notizia è stata diffusa poco fa, con anche i dettagli del nuovo incarico attribuito all’alsaziano: dirigente per l’IFAB (l’organo che si dedica alla formulazione delle regole del calcio), per vari programmi di coaching e analisi tecnica delle gare valevole per i tornei targati FIFA. Una nuova posizione in cui Wenger potrà mettere a disposizione tutta la sua esperienze e le conoscenze accumulate in tanti anni prima da calciatore e, soprattutto, da allenatore di uno dei club più importanti del mondo.

Wenger, le dichiarazioni

Il tecnico 70enne si allontana così definitivamente da un possibile ritorno in panchina, dopo che settimana scorsa si era parlato di un suo possibile ingaggio da parte del Bayern Monaco come successore del dimissionario Kovac. Negli ultimi mesi, Wenger era stato spesso chiamato per svolgere un ruolo da commentatore televisivo del campionato inglese e di altre competizioni internazionali. Queste le parole rilasciate dall’ex Arsenal dopo l’annuncio del suo ingaggio:

“Guardo con orgoglio alla possibilità di prendere parte a questa sfida estremamente importante, non solo perché sono sempre stato interessato all’analisi del calcio da una prospettiva più ampia, ma anche perché la missione della FIFA come organo governativo del calcio mondiale è veramente globale. Credo che la nuova FIFA che abbiamo visto emergere negli ultimi anni ha lo sport al centro dei suoi obiettivi ed è determinata a sviluppare il gioco nelle sue differenti componenti. So che posso dare il mio contributo per questo obiettivo e metterò a disposizione tutte le mie energie per riuscirci.”

Premier League – Arsenal Emery ha la fiducia della dirigenza: niente esonero

Cosa ne pensi?