Bonus 600 Euro – Adesso cambia tutto, ecco che succede

Bonus 600 Euro – Adesso cambia tutto, ecco che succede

In queste ultime giornate si è discusso e non poco del bonus dei 600 euro, destinato poi a salire a 1.000 euro, riservato ai titolari di partita Iva e ai lavoratori autonomi per i mesi di aprile e maggio.

Dopo l’indennità di 600 euro già erogata per marzo, proprio ieri l’Inps ha completato l’invio dei bonifici del bonus da 600 euro relativo ad aprile.

Leggi anche: Domanda INPS in attesa di esito? Ecco perché.

Il pasticcio del Dl Rilancio per i professionisti

A far discutere è stato invece il pasticcio venutosi a creare per i professionisti iscritti alle case previdenziali private.
Questi ultimi, dopo aver ricevuto regolarmente l’indennità relativa al mese di marzo, hanno douto fare i conti con alcune brutte sorprese.

Nel primo viene fatta menzione del riconoscimento del bonus per i mesi di aprile e maggio anche ai professionisti, ma in un articolo successivo del decreto si legge di una incompatibilità di questa indennità con quella ricevuta a marzo.

Catalfo, anche i professionisti lo avranno

A sgombrare il campo da questo equivoco ci ha pensato ieri la Ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo, che sul suo profilo Facebook ha chiaro che il bonus riconosciuto alle partite Iva e ai lavoratori autonomi, sarà corrisposto anche agli iscritti alle casse previdenziali private.

La Ministra, con l’intento di fare chiarezza su una questione importante che coinvolge circa 500mila lavoratori ha scritto: “il bonus di 600 euro per i professionisti iscritti alle casse di previdenza privata, che l’hanno già percepito a marzo, verrà erogato anche per i mesi di aprile e maggio”.

Professionisti, tempi lunghi per avere i soldi?

Una buona notizia dunque per gli ordinisti che potranno contare su un ulteriore aiuto dello Stato al pari di quanto accaduto per gli altri titoli di partita Iva iscritti all’Inps.

I tempi per ricevere l’indennità però saranno più lunghi perchè, come spiegato dalla stessa Catalfo, sarà necessario un decreto interministeriale.

La normativa attuale contemplata nel decreto Rilancio prevede che i Ministeri avranno a disposizione non più 30 ma 60 giorni dall’entrata in vigore del provvedimento per emanare il decreto interministeriale.

Bonus 600 euro: a giorni la firma del decreto attuativo

Ciò significa che la scadenza sarebbe il 19 luglio, ma la Ministra Catalfo ha assicurato la firma arriverà nei prossimi giorni, quando sarà quindi approntato il decreto interministeriale che assegnerà alle casse le risorse necessarie.

Una conferma di ciò è arrivata questa mattina dal Ministro dell’Economia, il quale nel corso di un’audizione presso le Commissioni bilancio di Camera e Senato ha dichiarato che il Ministero del Lavoro insieme al Mef sta predisponendo il decreto attuativo per mettere le casse nelle condizioni di erogare nei prossimi giorni il bonus già assegnato agli altri titolari di partita Iva.

Gualtieri: anche ai professionisti 600 € ad aprile e 1.000 € a maggio

La novità annunciata dal Ministro Gualtieri è in realtà un’altra, ossia che ai professionisti sarà riconosciuta un’indennità di 600 euro per il mese di aprile e di 1.000 euro per quello di maggio.

Una svolta importante che di fatto equipara gli iscritti alle casse private a tutti gli altri lavoratori autonomi, per i quali il decreto Rilancio ha già previsto espressamente questa indennità modulare per i mesi di aprile e maggio.

Seguici su Google News.

Leggi anche: Cambiano i requisiti per il bonus da 800 Euro.

Cosa ne pensi?