Reddito di Emergenza – La Catalfo prova a chiarire alcuni aspetti

Reddito di Emergenza – La Catalfo prova a chiarire alcuni aspetti

Novità sul reddito d’emergenza. Sull’intera quota dei 55 miliardi ci sono 26 per le misure del ministero del Lavoro, 1 miliardo per il Reddito di emergenza che andrà a un milione di famiglie italiane. Si potrà fare domanda sul sito dell’Inps già dalla prossima settimana, la quota sarà dai 400 agli 800 euro a secondo della composizione del nucleo familiare. E’ un aiuto importante che si aggiunge al reddito di cittadinanza che compre già 2,5 milioni di italiani”. Lo ha detto il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, intervenendo a La Vita In Diretta su Rai1

Il sussidio verrà erogato per due mensilità e non potrà essere rinnovato. Non sarà da considerarsi un’integrazione al reddito familiare ma avrà un importo fisso da calcolare in base al numero dei componenti del nucleo familiare del richiedente.

Leggi anche: Regione Lazio, stanziati 600 Euro per i lavoratori.

QUAL È L’IMPORTO DEL REDDITO DI EMERGENZA. Il reddito di emergenza verrà disposto per due quote e per un importo minimo di 400 euro e massimo di 800 euro. Nel caso in cui il nucleo familiare sia composto dal solo richiedente il reddito di emergenza corrisponderà alla somma di 400 euro al mese.

COME SI CALCOLA IL REDDITO DI EMERGENZA. C’è dunque da chiarire il metodo di calcolo del reddito di emergenza che si ricalca sostanzialmente su quello del reddito di cittadinanza. Per prima cosa infatti bisogna associare al richiedente il valore di 1 ed aggiungere 0,4 per ogni componente maggiorenne oppure 0,2 per ogni componente minorenne per ottenere il parametro di scala.

La cifra ottenuta dovrà quindi essere moltiplicata per il valore base di 400 euro. Nel caso quindi che il nucleo familiare sia composto da due persone maggiorenni il calcolo che dovrà essere operato sarà di 1,4 x 400.

VALORI MASSIMI DEL REDDITO DI EMERGENZA. Bisogna però sottolineare che il parametro di scala da moltiplicare potrà raggiungere il valore massimo di 2 ed ecco perché la quota limite del reddito di emergenza è di 800 euro.

La misura prevede solo un’eccezione relativa alla presenza in famiglia di un disabile grave o di una persona non autosufficiente. In questo caso il valore massimo sarà leggermente superiore e corrisponderà a 2,1 e quindi anche la quota del reddito di emergenza potrà essere più elevata e corrispondere ad 840 euro.

QUANDO NON SPETTA IL REDDITO DI EMERGENZA. Non è possibile richiedere il reddito di emergenza se il reddito familiare è superiore al valore base o nel caso in cui un componente del nucleo sia in possesso di un contratto di lavoro subordinato con retribuzione lorda pari o superiore allo stesso.

Seguici su Google News.

Leggi anche: Come cambiano i requisiti per il Bonus da 800 Euro.

Cosa ne pensi?