Playoff Primavera 2 – Lecce rimontato, la Lazio è in finale

Si gioca Lazio-Lecce, gara valida per le semifinali dei Playoff di Primavera 2. I biancocelesti provano a conquistarsi un posto in finale dopo aver eliminato l’Hellas Verona con un tirato 1-0, mentre i salentini provano a continuare sulla scia dell’entusiasmo dopo aver eliminato il Venezia per 2-0.

 

3-1

 

Lazio (3-5-2): Alia; De Angelis (88′ Petricca), Armini, Baxevanos; Zitelli (68′ Kalaj), Abukar, Bianchi, Czyz, Falbo; Capanni (88′ Nimmermeer), Scaffidi (73′ Cerbara). All.: Bonacina
Lecce: Centonze, Pierno (73′ Dario), Laraspata, Doratiotto (88′ Dacosta), Gianfreda, Monterisi, Tarantino (73′ Maselli), Cancelli, Suma (88′ Mele), Lezzi, Avvantaggiato (66′ Castrovilli). All.: Siviglia
Marcatori: 29′ rig. Doratiotto (LE), 45′ Baxevanos (LA), 51′ Abukar (LA), 90’+3+ Cerbara (LA)
Ammoniti: Lezzi (LE)
Arbitro: 
Tremolada di Monza

 

CRONACA DELLE AZIONI SALIENTI – L’inizio di gara vede il Lecce maggiormente fluido in fase di costruzione, con la Lazio che fatica a creare pericolose occasioni: al 15′, i salentini si dimostrano pericolosi, con Avvantaggiato che supera Baxevanos e serve al centro Suma, che calcia ma trova la deviazione decisiva di un avversario in angolo; poco dopo, ci prova Laraspata, il suo tiro finisce a lato non di molto. Superata l’iniziale fase di timidezza, i biancocelesti cominciano a crescere con il passare dei minuti: ci prova Falbo, servito da Scaffidi, da posizione defilata, risponde Centonze, mentre il colpo di testa di Czyz finisce alto. Ma al 28′, arriva la svolta in favore degli ospiti: su un cross senza pretese, Zitelli tocca il pallone con la mano e Tremolada decide di assegnare il rigore al Lecce. Dal dischetto, Doratiotto spiazza Alia e firma l’1-0 pugliese. Dopo qualche minuto, però, la Lazio mostra i primi segnali di reazione, sfiorando il pareggio: decisivo Centonze a salvare con un super riflesso sul colpo a botta sicura da pochi passi di Scaffidi, che si vede così togliere il pallone dalla porta. Ma proprio sul finire del primo tempo, la squadra di Bonacina trova il prezioso pareggio: su un calcio di punizione battuto a metà campo, Centonze esce male e Baxevanos lo anticipa di testa, depositando così il pallone in fondo al sacco e regalando ai suoi l’1-1 con cui si rientra negli spogliatoi.

La ripresa si apre subito con una grande occasione per la Lazio: sull’errato retropassaggio di un giocatore del Lecce, sbuca Abukar che si lancia in porta, ma davanti al portiere mette clamorosamente a lato. Superata la paura, risponde subito la squadra salentina con Avvantaggiato, ma il tiro termina fuori. Ma al 51′, i biancocelesti riescono a ribaltare la partita: Zitelli viene servito da Bianchi e avanza sulla destra, prima di servire un perfetto passaggio per l’accorrente Abukar, che si fa perdonare l’errore di qualche minuto prima e fa 2-1. Nonostante il vantaggio acquisito, però, i laziali vanno vicini a più riprese al terzo gol: prima Gianfreda chiude in maniera decisiva su Capanni, poi Scaffidi riesce a raccogliere la respinta corta di Centonze, ma trova il salvataggio sulla linea di un difensore ospite. Il Lecce prova a spingersi in avanti nel finale, alla ricerca del pareggio: ci prova Lezzi da punizione, il pallone finisce alto. In pieno recupero, la Lazio riesce però a chiudere i conti: contropiede guidato da Cerbara, che scambia con Czyz e si invola davanti al portiere, battendolo con un preciso diagonale. Finisce dunque 3-1 per i biancocelesti, che volano nella finale Playoff di Primavera 2 in cui incontreranno la SPAL.

Cosa ne pensi?