Hesgoal Ajax Roma DIRETTA LIVE – streaming gratis, segui la partita

Hesgoal Ajax Roma DIRETTA LIVE – streaming gratis, segui la partita

Si gioca nella giornata odierna la sfida tra le squadre di Ajax e Roma, che è valevole per la competizione Europa League. Cercano con forza la vittoria i locali, per cercare di iniziare ad incamerare punti che possono essere utili in campionato. Gli ospiti invece vogliono iniziare continuare nel loro buon inizio di stagione, per poter puntare a una alta classifica. Sarà una sfida molto bella e aperta, con il pronostico che però vede la Roma favorita al fine di portare i tre punti a casa.

Ajax Roma dove vederla

Il match Ajax Roma sarà trasmesso in diretta TV su SKY, nel canale dedicato. Sarà possibile vedere la partita su smart Tv, PC, smartphone, tablet e console videogiochi. E’ necessario essere dotati di una connessione internet.

Ricordiamo che non è possibile seguire la partita su siti come Hesgoal, Vipleague e Tarjeta Roja. Queste piattaforme non trasmetteranno in Italia, in quanto oscurate dalle autorità giudiziarie a causa del non possesso dei diritti di trasmissione televisiva che regolano le gare ufficiali.
CLICCA QUI PER VEDERE LA DIRETTA LIVE DEL MATCH

Le probabili formazioni

Ajax: Stekelenburg; Rensch, Timber, Martínez, Tagliafico; Álvarez, Klaassen, Gravenberch; Antony, Tadić, Neres.

Roma (3-4-2-1): Pau Lopez; Mancini, Cristante, Spinazzola; Karsdorp, Diawara, Veretout, Peres; Pedro, El Shaarawy; Dzeko. All.: Fonseca
CLICCA QUI PER VEDERE LA DIRETTA LIVE DEL MATCH

Le parole di Pioli dopo il Benevento, riprese da Sky Sport:
Sarà una bella partita tra due squadre che stanno bene – prosegue Pioli – Continuo a dire che Juve, Inter e Napoli sono le squadre più forti del campionato, noi dobbiamo continuare in questo modo. Ci prepareremo per questa sfida ma non sarà decisiva, non ci sarà alcun passaggio di consegne perché loro arrivano da 9 scudetti consecutivi. Dobbiamo guardare la classifica ad aprile, la nostra forza deve essere quella di pensare sempre alla prossima partita. Non dimentichiamo che abbiamo anche delle assenze importanti, che non si notano perché stiamo giocando bene di squadra. Risposta all’Inter? Non ci facciamo mettere pressione dai risultati degli altri, ce la mettiamo da soli perché pretendiamo il massimo. Abbiamo preparato bene la gara, anche se qualcosa abbiamo concesso, ma abbiamo dimostrato grande voglia di portare a casa il risultato. Tutte le vittorie sono pesanti per una squadra giovane come la nostra”.
“Leao più continuo. Tonali? L’ho abbracciato nello spogliatoio”. Sui singoli, aggiunge: “Leao ha delle potenzialità enormi, sono contento che le stia dimostrando con maggior continuità. Sono ragazzi giovani, seppur volenterosi, e pretendiamo tanto da loro. Lui si accende molto quando è in possesso palla, ma se impara ad attaccare gli spazi e a smarcarsi diventa ancora più forte perché poi ha la qualità per fare delle grandi giocate. Tonali? L’ho abbracciato nello spogliatoio, chiaramente è dispiaciuto per aver lasciato la squadra in 10. Però con il VAR sembrano tutti violenti i falli, ma bisogna tenere in considerazione la dinamica. Nessuna polemica, Pasqua è anche un ottimo arbitro. In ogni caso Sandro imparerà da quest’episodio”.

Milan, attese a breve novità sul futuro di Donnarumma

Continua a lavorare la società del Milan, al fine di cercare di migliorare la rosa per la prossima stagione. Un giocatore che dovrebbe essere confermato è il portiere Donnarumma, che ha il contratto in scadenza nel 2021. Anche per questo si sta cercando un accordo con il ragazzo, al fine di cercare di estendere la durata dello stesso in più anni, magari cercando di spalmare l’ingaggio. Ci sarà da lavorare, ma sembra essere presente la volontà di andare avanti insieme.

Le parole di Donnarumma

Parla il portiere del Milan Donnarumma. Ecco le parole, che sono state rilasciate alla rivista Undici:

“Voglio un grande Europeo, e poi voglio diventare il portiere più forte del mondo. “La mia passione è sempre stata la porta. Di questo ruolo la csa che mi è sempre piaciuta di più è l’adrenalina”.

Il primo Derby giocato:“È senza dubbio il ricordo più importante anche se in generale le sfide contro l’Inter generano grande emozione. L’adrenalina è a mille, il cuore a duemila, ho voglia di vincere, ho voglia di giocare bene”.

Le critiche dei tifosi nell’estate del 2017: “È difficile giocare quando i tifosi sono contro di te, quando ti fischiano. San Siro è San Siro… Però non ho mai avuto paura. Sapevo chi sono, sapevo cosa potevo fare. Paura zero. A me sembra tutto normale, credo sia questo che mi fa rimanere a questi livelli. Faccio delle cose, delle parate, e mi sembrano normali. E poi mi piace comandare, mi trovo bene a farlo. Devi dar fiducia alla difesa, sei il primo a dar fiducia alla squadra. Devi essere solido. All’inizio ero timido, tutti erano più grandi di me. Ora sono uno di quelli che è al Milan da più anni – conclude – So di avere un ruolo importante, mi faccio sentire”.

Seguici su Google News.

Milan, parla il portiere Begovic

Parla il portiere della formazione del Milan Begovic, che prova ad analizzare tutti i momenti vissuti fin da quando è arrivato nella squadra rossonera. Ecco le parole, rilasciate al theguardian:

“A oggi è uno dei migliori portieri al mondo, e se continua così è solo questione di tempo prima che diventi il numero uno in assoluto. È fenomenale, un grande talento ed anche un bravo ragazzo. Quello che ha già raggiunto finora è già piuttosto notevole, se guardo al futuro posso vedere solo cose buone per lui”.

Cosa ha portato Ibrahimovic dal suo arrivo?
“Ha avuto un impatto enorme con la sua personalità, la sua leadership e le sue qualità in campo. La sua qualità migliore è la competitività. Alla sua età continua ogni giorno a dare il massimo per essere il migliore. È un uomo squadra, i suoi standard rendono migliori tutti gli altri. Può cambiare le partite con la sua presenza. Un campione mondiale, una gioia da guardare”.

Com’è adesso la situazione in Italia?
“La prima volta che sono uscito a Milano dopo essere tornato dall’Inghilterra, finito il lockdown, non c’era nessuno per strada e non succedeva nulla. Ora la situazione sembra essere di nuovo di normalità e il calcio sta dando un contributo importante. Fa parte della cultura di questo Paese e in particolare di questa città: è positivo che tutto questo possa contribuire a rendere le persone di nuovo felici”

Cosa ne pensi?