Juventus News, De Ligt: “Sono molto felice per il gol”

Juventus, le parole di De Ligt

Parla il difensore della Juventus De Ligt, dopo la vittoria conquistata dai bianconeri contro la Fiorentina. Ecco le parole, riprese dal sito ufficiale della Juventus:

Sono molto felice, avevo già segnato a Torino ma non nel nostro stadio, e sono andato in gol contro un’avversaria storica. Vogliamo andare avanti così e continuare a migliorare». Sulla partita: «Abbiamo reagito dopo Napoli, era la risposta che dovevamo dare. Nel primo tempo abbiamo avuto qualche difficoltà, contro una squadra compatta, poi siamo cresciuti. Il mio italiano? Migliora: non è facile, perché l’olandese è molto diverso. Però sto imparandolo, faccio conversazione con i miei compagni”.

Le parole di Sarri

Parla il tecnico della Juventus Maurizio Sarri. I suoi ragazzi sono riusciti a conquistare i tre punti contro la Fiorentina. Ecco le parole, riprese dal sito ufficiale della società:

Abbiamo tanti giocatori offensivi di livello straordinario, quindi le soluzioni a disposizione sono tante. Oggi, tenendo conto della partita che ci aspettavamo, del loro modulo, e del momento di Douglas che si è potuto allenare con continuità, ho preferito partire con lui per dare più ampiezza alla nostra fase offensiva. Quando uno decide la formazione va sempre a letto con un po’ di amarezza perché lasciar fuori giocatori come Dybala non è mai semplice, basta vedere come ha giocato i minuti finali.

Abbiamo momenti in cui abbiamo tanta intensità e momenti più passivi in cui perdiamo improvvisamente questa caratteristica: l’obiettivo è averla con la maggiore continuità possibile.

Cristiano continua a segnare a ripetizione e per lui è importante perché lo tiene in grande condizione mentale, ora sta bene anche fisicamente e sta facendo la differenza. Rabiot è in crescendo, comincia a fare partite importanti e il pubblico se n’è accorto da tre o quattro gare, Douglas Costa ora si sta allenando con un po’ di continuità e sta crescendo di condizione”.

Seguici su Google News.

Cosa ne pensi?