ULTIM’ORA Inter, possibile cambio di proprietà: dettagli

Il futuro dell’Inter sembra essere avvolto da incertezza. Suning e la famiglia Zhang stanno affrontando delle difficoltà nel mantenere il controllo del club oltre il 20 maggio, quando è previsto il rimborso del prestito di oltre 350 milioni di euro, comprensivo degli interessi, a Oaktree.

Secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport, il fondo statunitense non è convinto dalla proposta presentata dal presidente nerazzurro e sta considerando per la prima volta l’opzione di assumere il controllo del club, riscattando il pacchetto di azioni messo in pegno dal gruppo di Nanchino.

La proposta iniziale di Steven Zhang prevedeva il pagamento immediato degli interessi accumulati fino alla scadenza, pari a circa 100 milioni di euro, con un tasso annuo del 12% sui 275 milioni ottenuti nel maggio 2021. In cambio, Zhang chiedeva di posticipare la restituzione del denaro al 2026 o al 2027, aumentando il tasso al 16%, con un costo aggiuntivo di circa altri 45 milioni all’anno.

Tuttavia, di fronte alle resistenze del fondo americano, il presidente nerazzurro avrebbe anche accettato di alzare ulteriormente il tasso fino al 20%, impegnandosi per quasi 60 milioni all’anno.

Le ragioni del rifiuto da parte di Oaktree sembrano essere legate alla preoccupazione che, continuando con la gestione attuale, il valore del club possa diminuire, rendendo più difficile trovare un acquirente disposto non solo a rilevare l’Inter, ma anche a saldare il debito di Zhang.

Attualmente, Oaktree sta seriamente considerando l’opzione di prendere il controllo della società, intervenendo sulla gestione e rendendola più attrattiva per poi metterla sul mercato. Tuttavia, non è ancora stata presa una decisione definitiva e il quadro potrebbe cambiare rapidamente.

Con la scadenza del prestito fissata per il 20 maggio, c’è ancora del tempo per eventuali negoziati, ma l’incertezza continua a gravare sul futuro dell’Inter.
CONTINUA A LEGGERE>>>>>>>>

Autore