Serie D – Corigliano calcio, De Sanzo annuncia: “Siamo in autogestione. Dobbiamo restare uniti, altrimenti è finita”

Come raccontato in un altro articolo pubblicato nel pomeriggio, il Corigliano calcio sta vivendo ore di grande apprensione a causa di enormi guai societari che starebbero mettendo a rischio la stagione della squadra.

L’allenatore Fabio De Sanzo si è presentato in conferenza stampa per fare il punto della situazione della squadra, annunciando l’inizio dell’autogestione e chiedendo una mano a tifosi e autorità locali:

“Sono oggi qui presente in quanto rappresentante dello staff, assieme al capitano e al vice capitano, per fare un po’ di precisazioni su quello che sta accadendo al di fuori e all’interno della società e della squadra. Ci tengo a ringraziare i tifosi, che ci hanno mostrato la loro vicinanza con il loro comunicato. Allo stesso tempo, dobbiamo precisare alcune cose riguardanti l’articolo diffuso, in cui è stato scritto che noi avremmo preteso le dimissioni della società in toto, ma non è vero. La società ci ha messo al corrente della volontà dio dimettersi. Noi ne abbiamo preso atto e ci siamo presi le nostre responsabilità, ma non abbiamo costretto nessuno.”

“Mi preme inoltre dire che non abbiamo disertato l’allenamento, come è stato scritto da qualche parte. Dal 3 agosto, siamo presenti ogni giorno al campo ad allenarci. Ci sono stati problemi, anche a livello societario, e non stiamo a elencarli. Ma noi siamo professionisti e faremo di tutto pur di andare avanti, anche autotassandoci. Chiediamo solo più senso di appartenenza del pubblico, del sindaco e degli sponsor. Siamo in autogestione, non vogliamo far fallire questo progetto. Mi reputo un padre di famiglia, devo tutelare questi ragazzi. Ci daremo una mano e abbiamo bisogno della parte della società rimasta e dei tifosi. Uniti ce la possiamo fare, se ci sfaldiamo è la fine del Corigliano calcio. Noi non lo vogliamo, amiamo questa maglia e a nome di tutto lo staff e la squadra vogliamo che si continui questo campionato.”

Cosa ne pensi?