Agropoli calcio, l’ex Lingenti: “Ecco perché me ne sono andato”

Agropoli calcio, Lingenti: “Ecco perché me ne sono andato”

In un’intervista esclusiva rilasciata a TuttoMercato24 , l’ex consulente di mercato dell’Agropoli calcio Francesco Lingenti ha spiegato le ragioni del suo addio, in seguito ad alcuni dissapori avuti con il presidente Bisogno:

“Voglio fare chiarezza e luce sulla situazione all’Agropoli. A maggio avevamo fatto una squadra di ottimo livello, anche se in corsa, e infatti alla prima giornata abbiamo battuto il Sorrento. Ci sono state una serie di vicissitudini e problematiche poi, anche economiche che posso dimostrare, che a un certo punto nella fase del ritiro avevano portato i ragazzi a fare addirittura delle macchinate per muoversi. Io me ne sono andato perché mi sono trovato totalmente in disaccordo con il presidente (Bisogno, ndr), così come accaduto con mister Ferazzoli e anche Taccone è andato via per le stesse ragioni. Agropoli è una città che ha persone vogliose di far calcio e meriterebbe altre piazze, così come meriterebbe di più anche la squadra, che ha sputato il sangue. Non so in che mani finirà la squadra.”

Agropoli calcio, un momento delicato

E’ un momento molto delicato anche in campo per l’Agropoli calcio, attualmente penultimo nel Girone H di Serie D con 9 punti conquistati, in piena zona retrocessione e a due distanze dalla zona playout. E i risultati testimoniano le difficoltà complessive della squadra, la cui ultima vittoria risale al clamoroso 1-0 rifilato al Bitonto lo scorso 22 settembre. Da allora, sono arrivati 3 pareggi e 4 sconfitte, con la squadra che è scivolata sempre più in basso in classifica, a volte anche con ko pesanti (come il 5-0 subito a Taranto lo scorso week-end). Intanto, la squadra si prepara per la sfida interna contro la Nocerina, molto delicata in ottica salvezza.

ci

Serie D girone H – Taranto umilia Agropoli: 5-0, pagelle e voti

Serie D – Agropoli calcio, si dimette il responsabile dell’area tecnica Taccone

Serie D Girone H – Agropoli, fine della crisi: bloccato il Fasano

Cosa ne pensi?