Legge di Bilancio – Arriva la prima bozza, ecco cosa prevede

Legge di Bilancio – Arriva la prima bozza, ecco cosa prevede

La bozza della Legge di Bilancio per il 2021 è stata approvata dal Consiglio dei Ministri e si lavora al testo definitivo da presentare in Parlamento entro la fine del mese.

Per il prossimo anno la Manovra finanziaria prevede lo stanziamento di 40 miliardi di euro, in parte da utilizzare per nuove misure a sostegno del reddito, delle famiglie e dell’imprenditoria, in parte per finanziare la proroga di molte misure introdotte nei mesi scorsi, come la cassa integrazione e gli sgravi per le assunzioni dei giovani.

Saranno mesi di duro lavoro per il Governo che si trova a fronteggiare contemporaneamente l’emergenza Covid, con l’emanazione di nuovi decreti e DPCM, e le scadenze fissate per l’approvazione del futuro Bilancio di spesa. Sono 40 i miliardi che il Governo prevede di stanziare per il prossimo anno, tra novità fiscali e vecchi ammortizzatori sociali. La Legge di Bilancio, però, a differenza degli altri provvedimenti, deve seguire un particolare iter di presentazione e approvazione, con scadenze fissate per legge:

  • entro il 15 ottobre il Governo deve inviare il testo in Commissione europea;
  • entro il 31 ottobre la versione definitiva deve essere presentata in Parlamento che ne discute tutti i punti;
  • entro il 31 dicembre di ogni anno la Manovra deve ricevere l’approvazione di Camera e Senato e solo allora potrà essere pubblicata in Gazzetta Ufficiale ed entrare in vigore. Nella bozza della Legge di Bilancio è confermata la sospensione delle cartelle esattoriali fino al 31 dicembre 2020. Questo vale sia per le cartelle già ricevute che per quelle non ancora notificate. Inoltre la Manovra stabilisce che il beneficio della rateizzazione dei debiti non decade più dopo il mancato pagamento 5 rate bensì 10.

Questo non significa che l’attività di accertamento ad opera dell’Agenzia delle Entrate sia del tutto sospesa, ma soltanto che la notifica delle cartelle di pagamento slitta al nuovo anno. Nel 2021 ci sarà un nuovo ciclo di cassa integrazione, per il quale la Legge di Bilancio prevede circa 5 miliardi di euro. Stando alle parole del ministro Gualtieri, la cassa sarà gratuita per le imprese che hanno subito perdite importanti e di minore entità per chi ha registrato perdite inferiori. Le imprese che useranno la Cig non potranno licenziare. A partire da luglio 2021 verrà finanziata quella che nel testo della Manovra viene definita “una grande riforma per le famiglie”, con l’estensione dell’assegno unico per i figli destinato anche ad autonomi e incapienti. L’importo del beneficio sarà variabile fino ad un massimo di 200 euro al mese per ciascun figlio. Per finanziare l’assegno le risorse in campo ammontano a circa 3 miliardi per il 2021. Verrà inoltre aumentata la durata del congedo di paternità Bonus Renzi Confermato il bonus in busta paga per i lavoratori dipendenti di 80 euro(cosiddetto ex Bonus Renzi) per coloro che hanno redditi non superiori a 40.000 euro annui. Tra gli obiettivi principali della Legge di Bilancio c’è aumentare l’occupazione giovanile nel Mezzogiorno. Per questo il Governo prevede un importante taglio del cuneo fiscale per le imprese che assumono under 35: si tratta del 30% dei contributi a carico del datore per i prossimi 3 anni. Trova conferma il regime di fiscalità di vantaggio per le regioni del sud, per le quali vengono stanziati 13,4 miliardi di euro per i prossimi 3 anni (2021-2023). Vi si aggiunge anche la proroga del credito d’imposta per gli investimenti nel Meridione. 4 miliardi di euro per i settori imprenditoriali in difficoltà a causa del Covid-19. Questa somma sarà utilizzata per finanziamenti di diverso tipo:

  • proroga delle misure a sostegno delle Pmi;
  • sostegno alle attività di internazionalizzazione (circa 1.5 miliardi di euro);
  • proroga della moratoria sui mutui e accesso alle garanzie di SACE e Fondo Garanzia Pmi.

La Manovra finanziaria mira a potenziare le risorse già messe in campo a tutela dei lavoratori a partita Iva; il “come” è ancora oggetto di discussione ma probabilmente nel testo ufficiale verranno inseriti i finanziamenti a fondo perduto. Per ora si parla di un investimento compreso tra 1 e 3 miliardi di euro che si aggiunge ai bonus riconosciuti in questi mesi.. Importanti risorse economiche per le scuole di ogni ordine e grado ed anche per le università, sia pubbliche che private. Stando alle anticipazioni del Consiglio dei Ministri, la Manovra prevede 1,2 miliardi di euro da utilizzare nell’immediato per:

  • assumere docenti, soprattutto insegnanti di sostegno, dei quali c’è una preoccupante carenza;
  • messa in sicurezza degli edilizi scolastici. Ulteriore 2,4 miliardi di euro saranno destinati all’edilizia e alla ricerca in ambito universitario. Altra novità è la conferma delle lauree direttamente abilitanti (quindi senza esame di stato) per farmacisti, psicologi, veterinari e dentisti. L’emergenza Covid ha fatto emergere tutte le criticità del trasporto pubblico e in questo settore la Legge di Bilancio 2021 prevede di investire grandi risorse (con importo ancora da determinare) per implementare il numero di corse disponibili, soprattutto in orario scolastico.

Seguici su Google News.

Cosa ne pensi?