INPS – Entro 15 giorni vanno comunicate le violazioni della privacy

INPS – Entro 15 giorni vanno comunicate le violazioni della privacy

Il Garante della Privacy si è occupato del “click day”, ovvero dell’increscioso episodio riguardante il sito dell’Inps. Il quale lo scorso primo aprile era stato preso d’assalto dai beneficiari delle misure di sostegno previste dal decreto Cura Italia: dopo aver ammesso che non c’era stato alcun attacco hacker, ora l’istituto diretto da Pasquale Tridico ha quindici giorni di tempo per comunicare a tutti i diretti interessati le violazioni dei dati personali che si sono verificate in quella occasione. Inoltre, il Garante ha chiesto all’Inps “di comunicare quali iniziative siano state intraprese al fine di dare attuazione a quanto prescritto nel presente provvedimento e di fornire comunque riscontro adeguatamente documentato entro il termine di 20 giorni dalla data della ricezione del presente provvedimento”. L’eventuale mancato riscontro può comportare l’applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria che, tradotta in soldoni, significherebbe il rischio di una multa fino a 20 milioni di euro.

Seguici su Google News.

Leggi anche: Come cambiano i requisiti per il bonus da 800 Euro.

Cosa ne pensi?