Genoa News, Sturaro: “Sogno di portare questa squadra in alto”

Genoa, parla Sturaro

Parla il centrocampista della formazione del Genoa Sturaro, il quale prova ad analizzare il momento vissuto dal calcio italiano. Ecco le parole, riprese da Il Secolo XIX:

Sturaro, come sta vivendo questo periodo di stop?
«Io e la mia famiglia stiamo bene. A casa mi sono allenato molto. E il livello dell’impegno potrà alzarsi con la graduale possibilità di uscire e correre in un territorio come la nostra Liguria. Ho rispolverato un’antica passione: piante e giardinaggio. Poto e travaso, mi impregno di terra e pulisco. Osservo i ritmi della natura curando gli olivi. E trovo scampoli di serenità in un contesto come questo».

Che sentimenti prova davanti a questa epidemia?
«Ansia, paura, incertezza. E dolore per chi ha sofferto ed è stato colpito negli affetti. L’epidemia ha coinvolto tutti, o quasi, anche per le conseguenze sul lavoro di ognuno. Medici e infermieri sono gli eroi di oggi: giusto fare per loro tutto quel che si può. Viene dal cuore e non sarà mai abbastanza per sdebitarsi sino in fondo».

Ha detto che si sente figlio del Genoa, che il Grifone la fa sentire vivo: obiettivi e sogni in rossoblù?
«L’obiettivo di oggi è concludere bene il campionato se ci saranno le condizioni. Il sogno per il futuro è aiutare il Genoa a consolidare stabilità e ambizioni, alzando l’asticella dei traguardi per cui competere».

Nel 2016 giocò l’Europeo… con lo spostamento del torneo al 2021 spera nell’azzurro?
«In Nazionale ho vissuto belle emozioni, sin dalle Under. Resta un punto di arrivo, e sì, ogni tanto ci penso ma sono concentrato sul Genoa: il treno azzurro passa da qui. Nel 2016 il ct Conte aveva costruito un gruppo di “operai“ in cui ognuno dava il 100%. Eravamo la squadra del popolo, se così si può dire».

Seguici su Google News.

Cosa ne pensi?