Europa League – Lazio, Inzaghi: “La matematica non ci condanna”

LE PAROLE DI INZAGHI POST LAZIO CELTIC

Parla il tecnico della Lazio Simone Inzaghi, dopo la sconfitta rimediata in casa contro gli scozzesi del Celtic. Risultato che complica di molto la qualificazione per il team capitolino, chiamato a un’impresa per ribaltare le sorti del girone. Ecco le parole del tecnico, riprese dal sito ufficiale della Lazio:

“La qualificazione è ormai compromessa, anche se la matematica non ci condanna. Dobbiamo pensare a fare sei punti e sperare che il Celtic vinca in Romania. C’è molto rammarico per questo percorso europeo, purtroppo ho dovuto spingere qualche giocatore oltre il proprio livello fisico, Leiva e Caicedo fino a ieri ad esempio non si erano allenati.

Avremmo dovuto realizzare il secondo gol, invece si sono messi di mezzo i pali, le parate del portiere e l’arbitro, che ha negato un clamoroso rigore sull’1-1. Sono deluso perché con 20 tiri a 10 avremmo dovuto vincere. Una volta andati in vantaggio abbiamo commesso dei gravi errori individuali che una squadra come la nostra non dovrebbe fare. Ogni giocatore ha fatto quello che avevo chiesto, Berisha è entrato con lo spirito giusto, ha fatto un errore individuale sbagliando un passaggio ma anche gli altri avrebbero potuto rimediare”.

Seguici su Google News.

 

Cosa ne pensi?