CHAMPIONS LEAGUE – Juventus, Sarri: “Stiamo migliorando fisicamente”

Vigilia di Champions League per la Juventus, che domani affronterà il Bayer Leverkusen allo Stadium. La partita è valevole per la seconda giornata della fase a gironi della competizione. Nella prima gara i bianconeri hanno pareggiato a Madrid (contro l’Atletico), mentre i tedeschi hanno perso con la Lokomotiv Mosca. Gara importante per le due compagini, che possono mettere a segno dei punti importanti in ottica qualificazione. Favoriti sicuramente i torinesi, spinti dal proprio pubblico e da una condizione, a detta di Maurizio Sarri, che sta migliorando. Gli ingredienti per vedere una grande partita ci sono tutti. Tanti i temi trattati in conferenza, a partire dal presentare l’avversario (“non bisogna sottovalutarli”), passando per la valutazione della condizione fisica (“sta migliorando”) e un’ analisi su Ramsey (“sta facendo bene”).

Ecco le dichiarazioni dell’allenatore Juventino, riprese dal sito della società:

“La prima partita in casa può essere molto importante per la qualificazione e se si hanno le idee chiare sul Bayer non si può pensare all’Inter. Affrontiamo una squadra che è seconda in Bundesliga e che nel suo campionato ha il miglior possesso palla e i migliori valori fisici, quindi sarà una gara di grande impegno. Sanno tenere il pallone per larghi tratti di gara e la partita è talmente difficile che pensare ad altro sarebbe un errore clamoroso.

Nelle ultime tre gare abbiamo dati in netto miglioramento dal punto di vista qualitativo e quantitativo. Abbiamo valori buoni e la condizione fisica sembra in crescendo, anche se questa è legata all’applicazione e allo spirito di sacrificio. I numeri sono confortanti, ma non paragonabili a quelli del Leverkusen che sono straordinari.
La Champions è il top e si dovrebbe riuscire a divertirsi, con un senso di allegria e soddisfazione per il fatto di giocare le partite più importanti d’Europa. In questa competizione gli episodi possono essere fondamentali, quindi pur avendo un obiettivo chiaro, arrivare alla fine, ma sappiamo che questa competizione può dipendere da mille fattori. Quindi per ora pensiamo di passare il turno.
Aaron sta facendo bene, mi ha sorpreso per come si è inserito velocemente. Sta venendo fuori da un infortunio lungo e penso abbia ancora margini di miglioramento, visto che ha giocato solo tre spezzoni di partita.
Quello che mi lascia contento è il livello di applicazione durante gli allenamenti. In queste ultime partite è migliorata la facilità di palleggio, ora dobbiamo velocizzarlo e pensare alla concretezza offensiva. Nelle ultime due partite abbiamo avuto 21 palle gol e segnato solo quattro reti. Non vorrei ci mancasse cattiveria nell’area di rigore e su questo si può lavorare”.

 

Cosa ne pensi?