Serie D – Girone B: Raggio Garibaldi abbatte il muro del Sondrio, Como ancora in vetta

Si gioca Como-Sondrio gara valida per la 31/a giornata del Girone B di Serie D. I lariani, dopo essere riusciti a riprendersi la vetta della classifica lo scorso week-end, provano a difendere il primato per avvicinarsi alla Serie C, ripartendo dalle tre vittorie di fila ottenute nelle ultime giornate; per gli ospiti, sesti in classifica, sarà una gara valevole solo per difendere la propria posizione, vista l’ormai matematica salvezza ottenuta ma anche la quasi sicura esclusione dai playoff.

 

1-0

 

 

 

Como (3-5-2): Tonti; Anelli, Borghese, Toninelli (48′ Dell’Agnello); Valsecchi, Celeghin (48′ Bovolon), Raggio Garibaldi, Gentile (59′ Cicconi), De Nuzzo; Gabrielloni (81′ Loreto), Fusi (48′ Bovolon). All.: Bianchini
Sondrio (4-4-2): Guerci; Salcone, Mara (88′ Valente), Ambrosini, Fognini; Vono (76′ Valtulina), Cannataro, Ronzoni (86′ Coppola), Beltrame; D’Amuri (86′ Della Cristina), De Respinis. All.: Nordi
Arbitro: Di Marco di Ciampino.
Marcatori: 64′ Raggio Garibaldi
Ammoniti: Toninelli (C)
Espulsioni: Raggio Garibaldi (C) per somma di ammonizioni.

LA CRONACA DELLE AZIONI SALIENTI – Sin dai primi minuti, è il Como a spingere con insistenza, pur faticando a trovare grandi occasioni da rete: ci provano Anelli in girata (pallone che finisce alto) e Celeghin da punizione (blocca Guerci). Al 20′, però, arriva la grande occasione per i lariani per passare avanti: Vono commette fallo su Gentile in area e l’arbitro assegna il rigore. Ma dagli undici metri, proprio  Gentile sbaglia il tiro, sprecando così la grande opportunità per l’1-0. L’errore non fa calare la pressione del Como, che continua a spingere con grande insistenza, senza però trovare il gol, facendo innervosire giocatori e dirigenti in campo. Nel finale, è il Sondrio a sfiorare la rete in contropiede, con De Respinis che ci prova in diagonale, ma il pallone sfiora soltanto il palo. Ma il risultato non cambia e il primo tempo termina 0-0.

Nella ripresa, non cambia il canovaccio della gara nonostante i cambi, con il Como che continua a spingere, senza però riuscire a scardinare l’ordinata difesa del Sondrio: ci prova Gabrielloni con la botta, Guerci devia in angolo. Ma al 64′, il gol tanto atteso dal pubblico di casa arriva: sul calcio d’angolo dalla destra di Cicconi, sbuca Raggio Garibaldi, che tocca da posizione ravvicinata in rete. Il giocatore esplode di gioia, ma l’esultanza è eccessiva e l’arbitro estrae il secondo cartellino giallo per il centrocampista, con il Como che resta così in dieci uomini. Nel finale, spinge con maggior insistenza il Sondrio (ci prova Salcone a incrociare, pallone fuori), ma i lariani resistono fino alla fine: vince ancora il Como, che si mantiene così in vetta a +2 dal Mantova a tre gare dalla fine.

LEGGI ANCHE: MANTOVA-DARFO BOARIO

Cosa ne pensi?