Serie D – Girone F: un Cesena deludente strappa il pari alla Savignanese

Si gioca Savignanese-Cesena, valevole per la 31/a giornata del Girone F di Serie D. Padroni di casa a metà classifica e reduci dalla sconfitta di Giulianova che ha interrotto una striscia di tre vittorie di fila; ospiti saldamente al comando della graduatoria con 4 punti di vantaggio sul Matelica.

 

 

1-1 

 

Savignanese (4-2-3-1): Pazzini 6.5, Giacobbi 6.5, Rossi 6.5, Gregorio 6.5, Turci 6.5; Brighi 6.5, R. Manuzzi 6.5 (89′ Scarponi); Brigliadori 6.5, Peluso 6.5 (60′ Noschese 6), F. Manuzzi 6.5; Longobardi 6.5 (70′ Guidi 6). All.: Oscar Farneti 6.5.
Cesena (4-2-3-1): Agliardi 5.5 (46′ Sarini 6); Noce 6, Benassi 6, Valeri 6, Viscomi 6.5; Biondini 5 (60′ Fortunato 6), De Feudis 5 (85′ Capellini); Zammarchi 5 (46′ Tonelli 6), Campagna 5, Alessandro 5; Ricciardo 5. All.: Giuseppe Angelini 5.
Marcatori: 30′ Longobardi (S), 84′ Viscomi (C).
Ammoniti: Gregorio (S), Benassi (C), Agliardi (C), Alessandro (C), De Feudis (C).
Arbitro: Matteo Centi di Viterbo.

 

CRONACA DELLE AZIONI SALIENTI – Parte meglio il Cesena che già al 10′ reclama un rigore per una caduta di Ricciardo in area; l’arbitro, giustamente, fa proseguire. In generale, i bianconeri mantengono il pallino del gioco, ma non riescono a superare il muro avversario sulla trequarti. Nonostante uno sterile e apparente dominio territoriale del Cesena, è la Savignanese ad andare in gol: cross da destra, la retroguardia cesenate combina un pasticcio e Longobardi può tranquillamente depositare il pallone in fondo al sacco. I ritmi si abbassano e gli uomini di Angelini non riescono a reagire: Cesena annebbiato e si va al riposo con la Savignanese avanti di una rete. L’intervallo non sembra avere restituito lucidità ai bianconeri: squadra contratta e senza idee fino a questo momento surclassata dall’acume tattico degli avversari. I bianconeri reclamano di nuovo un rigore per un presunto tocco di mano in area, ma è più il nervosismo e l’incapacità di creare altro. Il primo tiro in porta del Cesena giunge al 60′: è Fortunato a provarci, ma Pazzini fa buona Guardia. Si svegliano gli uomini di Angelini: il tentativo è di Benassi e Pazzini si salva in due tempi. Dal nulla, o quasi, arriva il pari del Cesena: punizione di Alessandro, Noce prolunga di testa sul secondo palo, tap-in di Tonelli e palla che colpisce la traversa; poi, ci pensa Viscomi a metterla dentro. Termina così: un Cesena deludente strappa il pari.

 

 

Cosa ne pensi?